Università green, adesso anche le università sfidano la plastica

outfit universitario

Se tutte le manifestazioni contro i cambiamenti climatici stanno avendo una certa presa anche su istituzioni e ambienti di alto rango, sembra che la strada sia segnata anche per i poli universitari. Le università green, infatti, non sono più solamente un sogno, ma una realtà che potrebbe scandire la vita studentesca di tutti i giorni.

Università green, ecco tante iniziative legate all’ambiente

Una delle prime iniziative di tutti i promotori degli slogan per il #fridayforfuture, infatti, è quella di provare in tutti i modi a ridurre il consumo di plastica monouso. Non è certo un obiettivo semplice, dal momento che rappresenta un’abitudine che ci accompagna da anni, eppure andrebbe modificata. Sostanzialmente, si tratterebbe di iniziare con uno scambio tra le bottigliette di acqua minerale e le borracce.

L’idea dell’Università Bicocca di Milano

Ebbene, solamente tre anni fa, è stata l’Università Bicocca di Milano ad avere un’ottima idea del genere. Infatti, venne prevista l’installazione, all’interno della struttura universitaria, di ben 14 erogatori di acqua, sia liscia che gassata. In poche parole, l’acqua che veniva messa a disposizione era proprio quella della rete idrica comunale e non ha al suo interno alcun tipo di agente contaminante.

Distribuite 12 mila borracce

Ebbene, per portare ad un aumento ancora più significativo nel consumo di acqua da questi erogatori, l’Università Bicocca ha deciso di diffondere qualcosa come oltre 12 mila borracce, non solamente agli studenti, ma anche ai propri dipendenti. E i risultati si stanno già notando e sono davvero molto positivi.

Erogatori di acqua naturale e frizzante

Ciascun erogatore presenta un consumo che si aggira intorno agli 80 litri al giorno: facendo un conto complessivo, siamo sui 400 mila litri d’acqua, che vogliono significa un netto risparmio sotto il profilo energetico. Infatti, vorrebbe dire evitare di utilizzare qualcosa come oltre 250 mila bottigliette di plastica da 50 cl.

La rete Rus

Le iniziative sostenibile in campo universitario, però, non si limitano ovviamente alla sola Milano. Infatti, anche il Politecnico di Torino, così come l’Università di Bologna e il Politecnico di Milano hanno deciso di prendere parte al progetto della Rete delle Università per lo Sviluppo Sostenibile, a cui hanno aderito anche altre facoltà e l’ultima in ordine di tempo è stata quella di Catania.

Anche a Catania installati gli erogatori

Proprio nella struttura universitaria della città siciliana, infatti, sono stati introdotti numerosi erogatori di acqua, sia liscia che frizzante, vicino ai padiglioni universitari. Ma non è finita qui. Infatti, è stata installata anche una casetta dell’acqua che consente di comprendere in real-time quale sia la quota di prelievi di acqua portati a termine.

Commenti

commenti