Soft skills, ecco quali sono quelle che servono davvero

soft skills giovani

Una volta terminato il percorso universitario, ci si lancia ovviamente nel mondo del lavoro. Spesso e volentieri, però, capita di non essere assolutamente preparati per affrontare un percorso del genere. Ecco spiegato il motivo per cui può tornare davvero molto utile conoscere il significato di soft skills e quali siano quelle da avere a tutti i costi per potersi candidare per determinate posizioni lavorative.

Soft skills, quanti le conoscono davvero?

Le soft skills ormai sono veramente fondamentali non solo da inserire nel curriculum, ma proprio per poter avere accesso ad ogni tipo di posizione lavorativa. Purtroppo, però, restano ancora tantissimi i giovani che non hanno la minima idea di cosa vogliano dire e, di conseguenza, si presentano ad un colloquio senza conoscerle.

Quelle più comuni

Ci sono alcune soft skills che sono quelle più comuni, come ad esempio la motivazione, piuttosto che la gestione del tempo, ma anche l’organizzazione di compiti e responsabilità, così come la flessibilità. Ebbene, a parte queste, ne esistono altre che tutti i giovani dovrebbero cercare di apprendere per fare un passo in avanti nel mondo del lavoro.

Lavoro di gruppo

Tra quelle che non vengono citate poi così di frequente troviamo sicuramente il fatto di riuscire a lavorare in gruppo e, inoltre, anche l’abilità nell’orientarsi verso la fornitura di un servizio. Ci sono alcune situazioni in cui anche i giovani studenti possono apprendere già queste due soft skills e sono l’associazionismo studentesco e il volontariato.

Capacità di orientarsi ad un servizio

L’abilità di orientarsi verso un servizio non è altro che quella capacità di riuscire a comprendere quali siano le necessità della persona che ci troviamo di fronte, riuscendo ad adeguarsi a ogni situazione. Dovrebbe essere della scuola il compito di favorire proprio lo sviluppo di questa caratteristica, ovvero rendere più semplice lo svolgimento di tutte quelle attività che comprendano lavori di gruppo.

Favorire l’apprendimento di queste soft skills

Se fosse proprio la scuola ad occuparsi di favorire l’apprendimento di queste due soft skills, i vantaggi sarebbero ben evidenti, sia per quanto riguarda più in generale la società contemporanea, sia nello specifico per i singoli studenti, che riuscirebbero a fare proprie tali soft skills già nel corso del percorso a scuola.

Il ruolo della scuola

Ecco, quindi, come tante cose, nello sviluppo dei futuri lavoratori dovrebbero partire proprio dagli istituti scolastici. Solo in questo modo, con una scuola che prepara adeguatamente gli studenti al lavoro che faranno un domani, questo percorso diventa a tutti gli effetti formativo.

Commenti

commenti