Maturità 2018: come avvengono i sorteggi per l’orale

maturita 2018

Ormai non c’è quasi più tempo e la maturità 2018 sta per trasformarsi in realtà. Bellissima per tutti coloro che si sono preparati per tempo e hanno studiato, tutt’altro per chi, al contrario, ha sottovalutato l’appuntamento e si è impegnato in modo adeguato.

Maturità 2018 sta per finire

Se la maturità 2018 è indirizzata verso la conclusione, bisogna sottolineare come gli studenti che stanno studiando e ripassando per l’esame orale, stanno facendo gli ultimi sforzi per poter arrivare il più possibile preparati davanti alla commissione. Certamente lo studio rappresenta una parte fondamentale, ma anche conoscere le modalità di svolgimento dell’esame è decisamente importante.

Come funzionano i sorteggi per l’orale?

Non sono in pochi, però, i ragazzi che devono affrontare la maturità 2018, ma non hanno la minima idea di come funzionino i sorteggi per l’esame orale. Infatti, ci sono degli specifici criteri che devono essere seguiti, in maniera tale da poter decidere la classe e anche lo studente che devono dare il via alla carrellata di colloqui d’esame.

L’estrazione

Per poter decidere i sorteggi per l’esame orale della maturità, i professori non devono tener conto di un ordine ben determinato. Nella maggior parte dei casi, infatti, i commissari, mentre gli studenti stanno svolgendo la prima prova, provvedono all’estrazione della sezione che dovrà farsi carico dei colloqui prima di tutte le altre.

Ordine alfabetico

In seguito, i professori dovranno eseguire il sorteggio delle lettere di ciascun studente, in modo tale da poter capire quelli che saranno i turni che gli studenti dovranno seguire. Nel momento in cui c’è da effettuare il sorteggio delle lettere dei cognomi, la procedura prevede che si rispetti l’ordine alfabetico.

Si parte dal primo cognome della lettera estratta

Ecco spiegato il motivo per cui si parte sempre dal cognome del primo nome che è uscito dall’estrazione e si va avanti semplicemente tenendo conto dell’ordine alfabetico, fino a giungere alla lettera A. Facciamo un esempio concreto per poter capire meglio: nel caso in cui sia stata estratta la R, allora si andrà avanti fino alla fine (Z) per poi riprendere dall’inizio dell’elenco.

La prova orale finale

Tutti quegli studenti che vengono sorteggiati per primi vivranno senz’altro la prova orale con un po’ di tensione in più. Sono chiamati a rompere il ghiaccio senza aver avuto consigli da parte degli altri compagni piuttosto che dei professori. L’altro lato della medaglia, però, è che si può finalmente uscire dalla scuola con le braccia alte e respirare a pieni polmoni l’aria di libertà prima rispetto a tutti gli altri.

Commenti

commenti