Maturità 2017, ecco tutte le date degli esami in programma a giugno

0

La maturità 2017 sta ormai per entrare nella sua fase cruciale. Ormai c’è stata una decisione definitiva per quanto riguarda la scelta delle tracce. E al tempo stesso, anche le date sono già state definite. La firma della ministra dell’istruzione Valeria Fedeli ha firmato l’abituale ordinanza con cui ha messo nero su bianco tutte le date relative agli esami.

Maturità 2017: si parte dal 21 giugno

La maturità 2017, quindi, prenderà il via il prossimo 21 giugno. Questa data corrisponderà alla prima prova scritta di italiano. Il giorno seguente, giovedì 22 giugno, sarà l’ora della seconda prova. Lunedì 26 giugno, invece, sarà tempo per la terza prova. Per tutte quelle scuole che prevedono la quarta prova, invece, il giorno fissato è martedì 27 giugno.

Più di 500 mila studenti impegnati

Ormai mancano solamente trenta giorni prima dell’inizio della maturità 2017. Sono oltre 500 mila gli studenti che stanno cominciando a sentire quelle famose emozioni legate ad un esame spartiacque nella vita di ogni persona. La scelta relativa alle tracce delle prime due prove si è svolta decidendo tra oltre centinaia di proposte. Queste ultime sono state inviate e curate da parte di team di esperti che collaborano annualmente con il Miur.

Le deroghe per le Regioni colpite dal sisma

È stata ovviamente la Ministra a scegliere. Le tracce, come evidenziato più di una volta anche dal Miur, si caratterizzano per essere molto belle e anche interessanti. Nello specifico, presentano una netta coerenza con il percorso scolastico portato avanti dagli studenti. Sono arrivate anche le conferme in relazione alle deroghe per tutte quelle zone in Italia che sono state colpite dal terremoto. Nelle scuole in Abruzzo, Marche, Umbria e Lazio i membri delle commissioni saranno tutti interni. L’unica eccezione è rappresentata dal presidente.

Anno scolastico valido anche senza i 200 giorni effettivi

Per queste Regioni che sono state colpite dal terremoto, l’anno scolastico si è potuto comunque considerare valido. Anche se non ci sono stati i 200 giorni effettivi di lezioni. Il medesimo discorso si può fare per l’ammissione agli esami di maturità per gli studenti. Questa ammissione ci sarà anche quando il limite di assenze che è stato previsto viene valicato.

Il 19 giugno la prima riunione plenaria delle Commissioni

Il 15 maggio si sono svolti i vari consigli di classe per la redazione del documento con le varie indicazioni dedicate al percorso di maturità degli studenti. Questo documento dovrà poi essere trasmesso alle commissioni che saranno presenti in sede d’esame. Lunedì 19 giugno, invece, si svolgerà la prima vera e propria riunione plenaria delle commissioni.

Commenti

commenti

CONDIVIDI