Due lauree in due mesi: ecco la storia di uno studente con pochi eguali

0
tesi di laurea

La tenacia abbinata al talento: ecco come si potrebbe definire questo studente davvero modello, che potrebbe essere preso d’ispirazione da parte di un gran numero di giovani. Stiamo facendo riferimento ad un ragazzo che ha solamente 25 anni e che studia in ambito universitario. Ebbene, nel giro di pochi mesi, solamente due per la precisione, è stato in grado di raggiungere non una, ma addirittura due lauree, portando a casa pure la bellezza di cinque borse di studio.

Si tratta di una di quelle storie che non capitano certamente tutti i giorni e con un protagonista fuori dal comune. Un vero e proprio ragazzo prodigio, che si chiama Giulio Deangelis. Ebbene, lo scorso 20 luglio, è stato in grado di prendere due lauree. La prima in Medicina e Chirurgia e, solamente due mesi, ha discusso anche una tesi di laurea in Biotecnologie.

Senza ombra di dubbio non ci sono molti studenti come lui, che è cresciuto presso la Scuola Sant’Anna e che ha poi frequentato l’Università di Pisa. Non si può certo dire che questo ragazzo non abbia le diee chiare. Ha preso due lauree con un chiaro intento, ovvero quello di non fermarsi e di arrivare a quota, in maniera tale da avere tutte le competenze per realizzare il suo grande sogno, ovvero combattere sia la demenza che la SLA.

Adesso, Giulio Deangelis ha perfettamente in mete i prossimi obiettivi. Primo, fra tutti, quello di volare a Cambridge per affrontare un dottorato di altissimo livello. Ha rassicurato tutti, però, prima di partire: una volta terminato il percorso degli studi in Inghilterra farà certamente ritorno in Italia.

Per Giulio si tratta di una situazione che si può tranquillamente paragonare a un sogno. E lui, in effetti, quasi non si rende conto di tutto ciò che sta ottenendo, vivendo un sogno a occhi aperti. Durante una delle ultime interviste rilasciate, non esita a ringraziare sia l’Università d Pisa che la Scuola Superiore Sant’Anna.

Inoltre, Deangelis ha voluto approfondire l’obiettivo che rappresenta anche lo stimolo che è alla base di questo suo incredibile impegno. Infatti, alle domande di tanti curiosi ha risposto mettendo in evidenza come le patologie neurodegenerative rappresentano un problema di carattere sociale che è talmente sconfinato quanto tremendo nel suo inquadramento, senza dimenticare come le attuali competenze che vengono trasmesse in medicina non bastano per trovare una soluzione valida ed efficace.

Per questo motivo, Giulio Deangelis ha voluto creare un percorso che potesse essere il più multidisciplinare possibile, provando a specializzarsi in varie discipline, che avessero, però, un minimo comun denominatore, ovvero la trattazione di argomenti differenti, ma affini.  

Commenti

commenti

CONDIVIDI