Dieta dello studente: esiste veramente? Ecco quale alimentazione seguire!

0
dieta dello studente

La dieta dello studente esiste sul serio? O si tratta di uno dei tanti luoghi comuni o falsi miti che girano nella nostra società? Oppure c’è davvero un tipo di alimentazione che potrebbe portare diversi benefici a chi si trova spesso sui libri? La risposta a quest’ultima domanda è affermativa. Ci sono diversi cibi ed alimenti che permettono di migliorare la memoria e aumentare al tempo stesso la concentrazione nello studio.

Dieta dello studente: mens sana in corpore sano

D’altronde, il detto latino “Mens sana in corpore sano” rivela un insegnamento ben preciso. E la dieta dello studente esiste. Sono passati diversi secoli da questa massima latina, ma continua ad essere una frase veramente attuale, validissima ancora al giorno d’oggi. Conservare il corpo in un’ottima condizione è fondamentale per fare in modo di proteggere anche la salute della mente umana. Non solo, visto che è fondamentale anche come attività preventiva nei confronti delle patologie neurodegenerative. Un esempio? Il morbo di Alzheimer.

Come mantenere il corpo in forma?

Ci sono diversi modi per mantenere il corpo in forma e fare una buona attività fisica, possibilmente ogni giorno, è un sistema consigliato. Non dipende, però, tutto dallo sport che si fa, visto che anche quello che si mangia a tavola ha un peso specifico non indifferente. Quindi, vari alimenti rappresentano un tocco di benessere importante sia per favorire la memoria che la concentrazione.

Si parte sempre dalla colazione

La dieta dello studente parte dalla colazione, che deve essere sempre sostanziosa. Saltarla porterebbe ad un aumento del senso di sonnolenza che di certo non favorisce lo studio e la concentrazione. Un’ottima colazione va a stimolare l’acetilcolina presente nel cervello, utile per migliorare la memoria. Attenzione, quindi, ad assumere sufficiente vitamina B1, soprattutto grazie a cereali integrali e arricchiti.

I limiti di glucosio da rispettare

Il cervello necessita di un buon apporto di glucosio. Fondamentale, però, è evitare qualsiasi tipo di esagerazione. I limiti corretti entro cui deve mantenersi questo elemento sono tra 65 e 110 mg/dl. Ogni tante fare delle analisi del sangue può essere utile per controllare tali valori. Quindi, cercate di assumere in maniera moderata ed equilibrata pane, pasta, riso (in questi tre casi cercando le versioni integrali), patate, latte, yogurt e frutta.

Quali sono gli altri alimenti che sono utili per il cervello

Per la dieta dello studente perfetta, ci sono delle sostanze che proprio non possono mancare in un’alimentazione corretta. Ad esempio, le vitamine del gruppo B, contenute nei legumi, frutta secca, ortaggi, pesce, uova, fegato e latticini. La vitamina C, presente in tanta frutta, si trova soprattutto nelle fragole, kiwi, agrumi, cavoli, pomodori e spinaci. La vitamina E si trova in modo particolare nelle mandorle, noci, oli vegetali, pistacchi e nocciole. Omega 3 e DHA, invece, si trovano in modo particolare nei pesci. La colina è utile soprattutto per la memoria e si trova nella verdura, cereali, legumi, arachidi e tuorlo d’uovo. Il ferro aiuta le capacità cognitive e si trova soprattutto negli spinaci, rucola, muesli, frutta secca, carne e pesce. L’inositolo si trova in modo particolare negli agrumi, noci, lievito di birra, legumi, crusca e noci. Il magnesio si trova spesso nelle banane, cacao amaro, formaggi stagionati, tacchino, bresaola, legumi, carciofi, zucchine e uova. Lo zinco si può trovare soprattutto nella carne, pesce, legumi e cioccolato fondente. Infine, il selenio si trova tra cibi come pesce, formaggi stagionati, tuorlo d’uovo, carne, sedano, funghi e cipolle.

Commenti

commenti

CONDIVIDI