Hiv, in aumento il numero di giovani e adolescenti contagiati dal virus

Hiv contagio

Un recente rapporto che è stato diffuso dall’Unicef ha messo in evidenza dei dati davvero molto preoccupanti in merito al contagio dell’hiv tra gli adolescenti. Il numero di giovani e adolescenti che vengono colpiti da questa malattia aumenta sempre di più.

Contagio Hiv, a rischio tanti adolescenti

Tra le cause di questi dati in aumento troviamo anche il fatto che mancano delle vere e proprie campagne informative. L’anno scorso, secondo le statistiche, ogni 60 minuti qualcosa come 30 adolescenti di età compresa tra 15 e 19 anni sono stati colpiti dal virus dell’Hiv. Dati pazzeschi, considerando che avviene un contagio ogni due minuti e due terzi sono delle ragazze.

Adolescenti da 10 a 19 anni i più colpiti

Il nuovo rapporto dell’Unicef mette in evidenza come la categoria di adolescenti che va da 10 a 19 anni è quella più colpita. Nel 2017 sono morti 130 mila ragazzi e bambini, mentre in ben 430 mila hanno subito il contagio. Riprende vigore l’allarme, dal momento che ormai erano diversi anni che tali dati erano in calo, a parte che la categoria che comprende adolescenti da 15 a 19 anni.

Il rapporto Unicef

Il rapporto svolto dall’Unicef è stato ribattezzato “Women: at the heart of the Hiv response for children”. L’obiettivo di tale studio è quello di mettere a disposizione una serie di statistiche più precise e approfondite sul contagio e sulla diffusione del virus dell’Aids attuale e sulle conseguenze sulle fasce d’età maggiormente a rischio.

Mancano le campagne di prevenzione

In un gran numero di nazioni, sia donne che ragazze adolescenti presentano una maggiore vulnerabilità per quanto riguarda il contagio dell’Hiv. Il motivo è legato soprattutto all’assenza di adeguate campagne di prevenzione. Il virus viene contratto spesso e volentieri tramite rapporti sessuali non protetti.

Epidemia si diffonde

L’epidemia si diffonde tra le ragazzine in età adolescenziale grazie a rapporti sessuali precoci, compresi quelli con ragazzi di età molto più alta. Sul territorio italiano sale il numero di sieropositivi, visto che si arriva quasi a 140 mila persone. L’incremento maggiore è quello che è stato registrato tra i giovanissimi di età compresa tra 25 e 34 anni.

Aumenta il numero di donne italiane sieropositive

In forte incremento anche il quantitativo di donne italiane che sono sieropositive. A partire dal 2001, infatti, sono stati ben 3000 i nuovi casi che sono stati registrati. Quello che emerge da tale indagine è chiaramente che c’è bisogno di più chiarezza in merito alla prevenzione, anche e soprattutto a livello nazionale, dove teoricamente non mancherebbero gli strumenti per lanciare appelli più accorati verso i giovani.

Commenti

commenti