Giovani italiani, l’esodo verso l’estero aumenta ancora

0
giovani italiani

Quante volte si è parlato dei giovani italiani, che non riescono mai a trovare delle valide occasioni all’interno dei nostri confini e sono spesso costretti ad emigrare? Ebbene, la fondazione Migrantes ha pensato bene di togliere i veli ad un rapporto davvero molto interessante, ovvero l’indagine “italiani nel mondo”, arrivata alla sua dodicesima edizione.

Giovani italiani e la fuga verso il Regno Uniti, ma non solo…

E la fuga dei giovani italiani verso l’estero sembra un tunnel senza fine. Infatti, in base a questo rapporto, la Nazione che negli ultimi dodici mesi ha ospitato il maggior numero di italiani è stato il Regno Unito, con la bellezza di 24771 iscritti. Subito a ruota troviamo la Germania, con ben 19178 iscritti, la Svizzera a quota 11759 iscritti, la Francia, con 11108 iscritti, il Brasile, che si ferma a 6829 e gli Usa a 5939.

La Lombardia è quella che perde più giovani

E per quanto riguarda le Regioni della penisola italiana che ogni anno perdono il maggior numero di giovani che emigrano in cerca di lavoro all’estero la graduatoria lascia più di qualche preoccupazione. Al primo posto per quanto concerne le partenze troviamo la Lombardia, con quasi 23 mila ragazzi che si sono dati alla fuga verso l’estero. Seguono a ruota il Veneto, la Sicilia, il Lazio e il Piemonte. La Regione che può vantare il più basso numero di partenze? È il Friuli Venezia-Giulia.

Quanti sono gli italiani all’estero?

Allo scorso primo gennaio sono ben 5 milioni, più o meno, gli italiani che vivono all’estero in base alle indagini sulle iscrizioni all’Aire. Quasi l’8,2% dei più di 60 milioni di italiani che hanno scelto di rimanere in patria. Si tratta di un quantitativo di persone che non ha fatto altro che incrementare con il passare degli anni. Basti pensare che undici anni fa erano circa 3 milioni.

Ricerca di posti di lavoro all’estero

Sono in modo particolare i giovani ad andare alla ricerca di posti di lavoro all’estero. Questa indagine, infatti, ha messo in netta evidenza come ci sia stato un incremento degli espatri, pari al 15,4%, nello scorso anno. Il quantitativo di emigrati continua a salire senza sosta e le motivazioni, alla fine dei conti, sono sempre quelle, ovvero mancanza di opportunità e di lavoro.

Quanti sono gli emigrati?

Sono tantissimi, nello specifici, i giovani italiani con meno di 35 anni che se ne vanno all’estero: si tratta di una fetta del quantitativo di emigrati totale pari a quasi il 35%, con un aumento del 23,3%. Sono tanti anche gli uomini e le donne che hanno più di 50 anni e che sono totalmente delusi dalla situazione italiana, al punto tale da essere inseriti nella categoria dei “disoccupati che non hanno speranza”.

Commenti

commenti

CONDIVIDI