Fumo, il vizio negli adolescenti aumenta ad un ritmo preoccupante

smettere di fumare

Il vizio del fumo, effettivamente, ce l’hanno molti adolescenti. A volte è sufficiente farsi una passeggiata in città per accorgersi di quanti ragazzini abbiano la sigaretta spesso e volentieri in bocca. Ebbene, le ultime indagini in tal senso non fanno altro che confermare questi dati preoccupanti. È in costante aumento il numero di fumatori adolescenti.

Fumo e adolescenti: quadro preoccupante in Europa

Un recentissimo studio statistico ha messo sempre più in evidenza il problema del fumo in relazione agli adolescenti. La ricerca ha riguardato gli adolescenti in Europa e i dati finali preoccupano e non poco gli scienziati, che hanno lanciato un vero e proprio allarme. Sono soprattutto le fasce più deboli della società quelle maggiormente a rischio per quanto concerne la dipendenza alla nicotina.

Situazione a rischio

Quello che è emerso dallo studio lascia davvero un senso di forte preoccupazione. Dagli anni Novanta ai giorni nostri, le statistiche hanno registrato un notevole aumento di adolescenti fumatori non solo in Italia, ma anche in diversi Paesi dell’Unione Europea.

I dati sono preoccupanti

Addirittura, i dati parlano chiaro: l’aumento è del 50% dei fumatori che hanno un’età che va da 11 a 15 anni. L’allarme è partito da un gruppo di ricerca internazionale legato al progetto ALEC (Ageing lungs in european cohorts). Lo studio in questione aveva come obiettivo capire quale possa essere l’influenza dei fattori di rischio sulle patologie che colpiscono l’apparato respiratorio, nello specifico il fumo.

La nuova ricerca

Il team di studiosi, sotto la guida della docente Deborah Jarvis del National Heart and Iung Institute, presso l’Imperial College di Londra, ha fatto luce su questo fenomeno. L’indagine ha analizzato più di 120 mila cittadini europei originari di 17 differenti nazioni, in modo tale da avere a disposizione delle statistiche il più generali possibile.

L’allarme gli scienziati

Uno degli allarmi che sono stati lanciati dagli scienziati è senz’altro l’aumento notevole della percentuale di fumatori adolescenti. In particolar modo, è stato riscontrato un incremento nella fascia di età tra 11 e 15 anni dal 1990 in avanti. Sono circa 40 i nuovi adolescenti fumatori ogni anno in Belgio, Francia, Germania, Svizzera e Paesi Bassi, mentre circa 30 in Spagna, Italia e Portogallo.

Dipendenza da nicotina

Nell’Europa del Sud, Italia compresa, quindi, il quantitativo di nuovi fumatori adolescenti sta salendo sempre di più. L’obiettivo deve essere forzatamente quello di ridurre tali statistiche. Altrimenti la dipendenza dalla nicotina sarà sempre maggiore, così come sarà più facile incappare negli effetti collaterali del tabacco e le spiacevoli conseguenze sulla salute di un semplice ragazzo nemmeno maggiorenne.

Commenti

commenti